Felice Vigilia e Buon Natale ðŸ’

panettone_pandoro
Lievito, farina, acqua, zucchero, uova, burro, miele.
Questi gli ingredienti base di pandoro e panettone.
Secondo le leggende il primo nacque a Verona, il secondo a Milano ed esistono diverse storie sulla loro creazione.

 

Il Pandoro si dice risalga ai tempi dell’antica Roma. Il primo a menzionarlo fu uno scrittore minore che risale al I sec d.C., ai tempi di Plinio il Vecchio. Egli cita un cuoco di nome Vergilius Stephanus Senex il quale preparò un “panis” con fiori di farina, burro e olio.
Una seconda versione parla della città di Venezia. Intorno al ‘500 i Mastri Pasticceri erano soliti preparare il Pan de Oro: specialità raffinata ricoperta da sottili foglie d’oro e molto richiesta dai ricchi commercianti. Il Pan de Oro veniva servito in occasioni speciali, nei ricchi banchetti che animavano la vita notturna veneziana e per celebrare le festività.
Secondo altri esperti invece esiste una terza linea di pensiero che afferma la diretta discendenza del Pandoro dal Nadalin: dessert veronese preparato appositamente per il Natale. Nel 1260 venne creata una torta bassa a 8 punte, quindi somigliante ad una stella, ricoperta di glassa. Essa venne inventata in onore dell’investitura a signori di Verona della famiglia dei Della Scala.

Con il Panettone cambiamo regione. Ci spostiamo in Lombardia presso la Corte di Ludovico il Moro nel XV sec. . Un falconiere del Duca, il suo nome era Ughetto, si innamorò follemente della figlia di un fornaio: la bella Adalgisa. La famiglia di lui, però, cercava di ostacolare l’amore che si era creato tra i due ed ei doveva sgattaiolare dall’amata di notte. Così si trovavano mentre ella faceva il pane. Purtroppo il fornaio aveva grossi problemi a causa della concorrenza e il garzone che avevano s’era pure ammalato. La povera Adalgisa si ritrovò sulle spalle ancora più lavoro.
La leggenda vuole, che per mettersi in luce con il fornaio, Ughetto vendette due dei suoi falchi; con il ricavato comprò del burro. Unì il burro all’impasto del pane e vide che la panificazione migliorò. Durante la prova successiva unì anche lo zucchero. Grazie a queste migliorie le vendite migliorarono, Adalgisa si rasserenò e tornò spensierata e felice. Ughetto a sua volta era radioso nel veder così l’amata e per ella nel terzo impasto fece le ultime modifiche: aggiunse uova, cedro candito e, essendo sotto Natale, uva passa. Ottenne un pane gustosissimo che tutti volevano. Il successo fu travolgente e finalmente Ughetto e Adalgisa poterono sposarsi.
Nella seconda leggenda passiamo da Ughetto al piccolo Toni, però luogo e tempo non cambiano: sempre in Lombardia, sempre al tempo del ducato degli Sforza alla corte di Ludovico il Moro. Più precisamente è la sera del 24 Dicembre, la Vigilia di Natale. Tutta la corte sta partecipando ad un pantagruelico banchetto. Si percepisce la gioia della festa, mangiando, bevendo e cantando. Il cibo era ottimo e tutti attendono il dolce, che dopo le fantastiche portate precedenti s’aspettavano un qualcosa di originale e meraviglioso.
Ma quel dolce non lo vedranno, perché s’era bruciato dentro il forno.
I cucinieri avviliti e impauriti dal pensiero delle ire del Duca non sapevano cosa fare.
Ecco però che tra gli addetti alla cucina spunta una piccola figura: uno sguattero di nome Toni. Egli intimidito si avvicina al capocuoco e con un sussurro gli dice che aveva realizzato per sé e i suoi amici un dolce nuovo con gli avanzi di impasto di quello appena bruciato in forno. A quegli avanzi, però, aveva aggiunto uova, zucchero, un po’ di uvetta e del cedro candito. Se lo desiderava poteva darglielo. Il capocuoco accettò dopo aver visto quel bel dolce a forma di cupola e odorato il delizioso profumino che emanava. Lo fa subito portare al Duca e fù proprio la Duchessa a tagliarlo ed assaggiarne il primo pezzo: era ottimo! Tutti ne vanno pazzi, il Duca si complimenta con il cuoco, il quale tace sulla vera paternità di quel dolce. Ma siccome le bugie hanno le gambe corte dopo un po’ iniziò a diffondersi la verità su quel dolce delizioso: e l’è el pan de Toni. Così, come molte parole della nostra lingua, col tempo el Pan de Toni si trasformò in Panettone.

Non so quanto ci sia di vero in tutte queste storie e nemmeno so se in un futuro avremo la risposta di com’è andata veramente. Però a Natale è bello anche sognare e possiamo farlo anche grazie a Vergilius Stephanus Senex, i Mastri Pasticceri Veneziani, Ughetto e Toni.

Mi sono lasciata un attimo prendere da un filone romantico/narrativo più che nutrizionista, mi spiace spero di non avervi annoiato.
C’è anche da dire che pandoro e panettone non sono proprio dei dolci light adatti ad una dieta, però se proprio non ce la fate non rinunciate a mangiarne una piccola fettina. A meno che non abbiate qualche problema specifico, se vi trovate con l’acquolina in bocca davanti ad una fettina di pandoro o panettone mangiatela a cuor leggero. Non fatevi venire il rimorso di averlo fatto. Il vostro palato ne sarà contento, come pure il vostro cervello; si placherà la voglia e voi sarete più tranquilli. Inoltre è giusto godersi il Natale e la felicità di stare senza pensieri insieme a chi si vuol bene … anche a tavola.
Ma tra i due, pensando ad una dieta, quale si potrebbe scegliere? Ovviamente alla fine si seguirà il gusto personale, ma, anche se minima, c’è una leggera differenza calorica tra pandoro e panettone. Qual è il meno calorico secondo voi?
Votate su Facebook!

La risposta dopo Natale! Come ho detto godetevi le feste! 😊 🎅🎄

“Dottoressa, si avvicina il Natale …” (parte 2)

A dieta durante il periodo delle festività natalizie?
Certo che si!

I consigli che mi sento di darvi sono molto semplici:

  • I 2-3 giorni principali con pranzi e cene con parenti e amici godeteveli senza stress!
  • Se sarete voi a cucinare potete scegliere cosa preparare e quindi strizzate l’occhio a qualche ricetta carina, buona, ma allo stesso tempo dietetica!
  • Se invece siete ospiti mangiate tutto quello che desiderate senza pensare se è più o meno grasso o quanti carboidrati può avere, state solo attenti alle quantità; una soluzione potrebbe essere prendere mezza porzione.
  • Evitate la tipica fetta di pane, che si usa mangiare anche solo nell’attesa del pasto, per diminuire la quantità di calorie assimilate (concesso il pezzettino per la scarpetta se il sugo vale, ma solo perché a Natale e siamo tutti più buoni! :p )
  • Cercate (se ci riuscite) di evitare di mangiare pandoro o panettone a fine del pranzo. Aspettate magari metà pomeriggio cosicché quella fetta di dolce diventi lo spuntino durante la tombolata. Mangiatene meno o se ce la fate ovviamente è meglio un buon frutto.
  • Non digiunate! Durante le giornate non festive seguite tranquillamente il piano alimentare dalla colazione alla cena.
  • Non esagerate con le ore in palestra. Se potete fate il normale esercizio fisico; se invece la struttura dove vi allenate è chiusa cercate di fare delle belle passeggiate.

Ora siete più tranquilli per affrontare il Natale e la dieta assieme? 😊

Se avete altri dubbi non esitatemi a scrivermi! 💝

Canditi si o canditi no?

Jpeg

Come ogni anno arriva Natale.
Come ogni anno c’è la scelta: pandoro o panettone?
Come ogni anno parte la “discussione”: panettone con o senza … canditi?

Canditi amati e odiati. Con le dita che si assottigliano, anche se le mani sono da muratore bergamasco. Cerca di toglierli fino alla briciola più piccola. Sbuffando, mentre si tenta di scovarli con lo sguardo, inclinando testa e fetta. Questi infidi esserini che osano essere dello stesso colore della pasta. Infine, tu che rassetti a fine pranzo ti ritrovi il mucchietto sul piattino dell’invitato che non li voleva nel panettone. Accidenti hai sbagliato anche quest’anno!

Ma cosa sono i canditi?

La canditura è un metodo di conservazione di parti di piante commestibili (perché si può candire anche la verdura) mediante immersione in uno sciroppo di zucchero. Nella preparazione avviene uno scambio tra frutta e sciroppo; la prima perde una parte di acqua e trattiene una parte di zucchero dato dallo sciroppo. Questo processo si chiama osmosi.

Nelle culture arcaiche della Cina e della Mesopotamia conoscevano la conservazione mediante zuccheri come sciroppo di palma e miele. Nell’antichità spesso era l’unico metodo di conservazione conosciuto; addirittura gli antichi Romani conservavano il pesce immergendolo nel miele.

I veri precursori della canditura moderna sono gli arabi; essi servivano agrumi e rose candite durante i loro banchetti più importanti. Per questo motivo il termine “candire” deriva dall’arabo qandat, trascrizione della parola sanscrita khandakah (= zucchero). In Europa i canditi arrivano solo nel ‘500, grazie alla precedente dominazione araba. In Italia, come ben sappiamo, diventano un ingrediente cardine di alcuni dei dolci più famosi: panettone milanese e cassata siciliana.

Fonte:
Tradizione in evoluzione – Leonardo di Carlo – Ed. 2013

 

Se siete interessati a come si esegue chiedetemi pure.

Parlando invece degli elementi nutrizionali che li compongono … beh penso che con un semplice grafico possa spiegare tutto in modo immediato.

canditi_tab

La quantità di saccarosio (per intenderci parliamo dello zucchero semolato), glucosio e fruttosio già presente nella frutta, aumenta con la perdita dell’acqua e l’acquisizione degli zuccheri dello sciroppo utilizzato per la canditura.

Gli altri elementi come vitamine e minerali tra calore e lavorazione diminuiscono drasticamente; le quantità diventano quasi ininfluenti.

La frutta candita è abbastanza calorica. Mediamente siamo sui 322kcal per 100 g; si parla di media perché ci sono delle variazioni a seconda del tipo di frutta usata (le ciliegie candite contengono 306 kcal per 100 g di prodotto, mentre l’arancia 313 kcal).

La presenza di molto zucchero facilita la conservazione del prodotto, ma lo rende inadatto a diabetici o persone con problemi di obesità.

D’altra parte sono ottimi durante l’attività sportiva grazie all’alto contenuto di zuccheri semplici! 😀